LE PAROLE IMPAZZITE

ph Ivan Quaiattini

ph Ivan Quaiattini

Per una corretta informazione sulla salute mentale (Udine 9 ottobre 9.30)

 

Udine

Matto, pazzo, psicolabile, squilibrato, folle, psichiatrico, malato mentale, malato psichiatrico, (ex) detenuto psichiatrico, paziente (psichiatrico), serial killer, detenuto pericoloso socialmente, paziente ex detenuto… Raptus, raptus omicida, follia omicida, insano gesto, gesto di follia, follia killer… Pericolosità (sociale), sicurezza, allarme, attacco, sorveglianza, rischi, custodia. Sono solo alcune delle parole, associate ad eventi riferiti a persone con sofferenza mentale, che leggiamo sovente su quotidiani, magazine, media più in generale, cartacei e digitali, social media compresi, in particolare Facebook.
Perché, tranne rare eccezioni, la maggioranza delle parole usate dai media quando si parla di salute mentale hanno connotazione negativa? Perché riguardano eventi di per sé negativi, come un omicidio, si dirà. Perché i media faticano a presentare casi positivi, di reinserimento nella società di persone con sofferenza mentale? Perché trovano poco spazio i casi positivi, perché non si scrive che di malattia mentale si può anche guarire?
La risposta che la cronaca nera fa vendere più giornali e ottenere più clic su Facebook rispetto alla cronaca bianca è limitante di per sé. E chiamerebbe in “correità” i gruppi editoriali, più interessati alle vendite che all’etica della professione. E’ davvero pensabile che per ottenere un clic in più si sia disposti al rischio di alimentare lo stigma e il pregiudizio nei confronti delle persone con sofferenza mentale? Possibile che non si possa concepire di costruire tutti insieme – giornalisti, psichiatri, operatori e cooperatori, beneficiari dei servizi – una nuova etica dell’informazione rispetto i temi della salute mentale, anche sui social media? Perché alimentare la paura del matto in quanto altro da sé, del diverso, di chi non si conosce, e non praticare invece giornalismo responsabile?
Un’indicazione, da subito, la fornisce la lingua italiana. Per il Thesaurus di Word il primo antonimo per il vocabolo “matto”, quello più diretto, è “normale”. E ci porta alla arcaica dicotomia matto/normale, noi/loro, demolita grazie all’opera di Franco Basaglia e alla Legge 180 del 1978. Sono trascorsi 37 anni e, come per la Legge Basaglia, anche il superamento di quella dicotomia (come il superamento degli ex manicomi-lager-istituzioni totali) è avvenuto a macchia di leopardo. I buchi neri ci sono, a volte sono molto profondi, altre sono dentro di noi, non solo dentro la psichiatria.
Così, all’interno di un gruppo, la persona che deraglia dalla “normalità”, comunemente accettata e definita dall’organizzazione sociale del momento (il cosiddetto deviante sociale), va prima di tutto identificata, poi isolata, punita ed espulsa per preservare la salute e la salvezza degli altri componenti. Esattamente come è avvenuto diverse centinaia di anni fa a migliaia di donne (ma anche uomini) accusate del crimine di stregoneria. Perché se il matto si riconosce per tempo, si può evitare; le caratteristiche lo identificano e ci possono allontanare da lui, ci possono salvare dal pericolo, e per noi è più rassicurante Il meccanismo è lo stesso, applicato in seguito ad ebrei, zingari, omosessuali, disabili e a tante altre “categorie” di persone. E continua ad accadere ancora oggi, non solo con i matti, ma anche con, i rom, i migranti, i rifugiati.
Il matto è colpevole a priori, ed è colpevole per il solo fatto di essere matto, di esistere. E’ nato colpevole. Come i benandanti friulani dovevano i loro poteri all’essere nati con la camicia o durante solstizi ed equinozi, così il matto è tale perché lo ha scritto nel Dna, ha una colpa innata, per così dire biologica. Primordiale e inappellabile.
Da qui, ma non solo da qui, è nata l’idea nella Cooperativa sociale Itaca di interrogarci sulle parole della salute mentale in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale. “Il nostro obiettivo – come spiega Nicola Bisan, formatore di Itaca – non è fornire delle risposte, ma farci delle domande, riflettendo assieme a giornalisti, psichiatri e beneficiari dei servizi della salute mentale”. Lo faremo il prossimo 9 ottobre dalle 9.30 alle 14.30 in Sala Ajace a Udine all’interno di un evento organizzato da Itaca in collaborazione con il Dsm di Udine, il Comune di Udine e l’Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, appuntamento che rientra all’interno dei corsi di formazione obbligatoria rivolti ai giornalisti, approvati dall’Ordine nazionale. Con noi ci saranno i giornalisti Gianpaolo Carbonetto e Raffaella Maria Cosentino, il direttore del Dsm udinese Mauro Asquini, la psichiatra Maria Angela Bertoni e la Comunità Nove di Udine, moderatore della sessione mattutina Fabio Della Pietra, giornalista e ufficio stampa della Cooperativa Itaca. Il presidente di Legacoopsociali Fvg, Gian Luigi Bettoli, modererà la tavola rotonda del pomeriggio.

Fabio Della Pietra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...